Nella zona di
ALTO LARIO OCCIDENTALE
ALPI LEPONTINE MERIDIONALI
LARIO ITELVESE
TRIANGOLO LARIANO
COMO E DINTORNI
OLGIATESE
BRIANZA COMASCA


COMO - Battistero di San Giovanni in atrio

Davanti alla facciata della chiesa di San Fedele anticamente c’era un portico su colonne di marmo, detto atrio, che diede il nome al rione, alla chiesa di San Pietro, oggi scomparsa, e al battistero di San Giovanni, che venne appunto denominato “in atrio”.

L’edificio, del V-VI secolo, venne restaurato o rifatto nel secolo XII e restò utilizzato, essendo l’unico battistero per la città di Como e i dintorni, fino al XVI secolo.

L’edificio battesimale, come era consuetudine del tempo, era situato vicino alla chiesa ma separato da essa, per una maggiore libertà nelle funzioni religiose, in quanto i neofiti non venivano ammessi in chiesa se non avevano ricevuto il battesimo. Il fronte della chiesa era situato lungo l’asse di collegamento con la vicina basilica di San Fedele, così come l’atrio che dava il nome al complesso religioso.

Pianta del battisteroLa pianta del battistero era ottagonale, con i lati sfondati in otto nicchie, quattro semicircolari e quattro rettangolari, di queste ultime due erano più sporgenti e corrispondevano all’ingresso.
Al centro c’era la vasca battesimale, probabilmente sepolta durante i lavori di innalzamento del piano di calpestio. Il battistero era completato da una cupola impostata sopra l’ottagono.

A inizio del 1500 il battistero venne sopraelevato, così come la basilica di San Fedele, poiché erano troppo bassi rispetto all’innalzamento del piano stradale esterno.
Nel 1788 il battistero venne sconsacrato durante le misure riformistiche di Giuseppe II d’Asburgo e da quel momento l’edifico andò in disuso e venne inglobato dalle abitazioni e le sue colonne vennero utilizzate per il porticato costruito davanti al Liceo Volta. Oggi, nel cortile di una delle abitazioni della zona è visibile la cupola del distrutto battistero.

 

Pianta della chiesa tratta da: M. Magni, Architettura romanica comasca, Casa editrice Meschina, Milano, 1960




la Guida del progetto didattico di RomaniCOMO

     
| crediti | privacy | diritti | contatti |
Realizzato con i contributi di :
Provincia di Como - Assessorato alla Cultura, Regione Lombardia - Culture, Identità e Autonomie della Lombardia