Nella zona di
ALTO LARIO OCCIDENTALE
ALPI LEPONTINE MERIDIONALI
LARIO ITELVESE
TRIANGOLO LARIANO
COMO E DINTORNI
OLGIATESE
BRIANZA COMASCA


I termini per la comprensione del Romanico

 

Abside: parte semicircolare o poligonale della chiese posta in fondo alla navata maggiore o, talvolta, a quelle laterali

Affresco: tecnica di pittura murale eseguita sull’intonaco fresco (infatti viene detto anche “a fresco”), in modo che i pigmenti colorati si leghino chimicamente all’intonaco in fase di asciugatura

Ambone: la tribuna o piattaforma rialzata usata per la lettura dei testi sacri e per la predicazione

Ambulacro: o deambulatorio, passaggio, interno ad una chiesa, che gira attorno all’abside

Antropomorfo: che ha sembianze umane

Architrave: elemento posto orizzontalmente che chiude nella parte superiore un’apertura

 

Bassorilievo: decorazione scultorea in cui le figure emergono di poco in rilievo rispetto al piano di fondo

Bifora: finestra divisa in due aperture grazie all’inserimento di una piccola colonna

Borghesia: Ceto medio cittadino, sorto nell’età comunale, che si posizionava ina fascia intermedia tra nobili e poveri

 

Campata: parte di costruzione architettonica delimitata da sostegni verticali (piedritti o colonne)

Capitello: parte superiore della colonna, situata sopra al fusto, che funge da appoggio all'arco o all'architrave soprastante e riveste una grande importanza decorativa

Capriata: struttura tringolare, nelle chiese generalmente in legno, che ha la funzione di sorreggere il tetto

Cibòrio: edicola sostenuta da colonne che contiene un altare

Concio: blocco di pietra da costruzione, squadrato, solitamente usato per le pareti esterne

Contrafforti: sostegno in muratura, a sezione decrescente salendo verso l’alto, utilizzato in architettura per contrastare la notevole forza orizzontale di alcune murature

Controfacciata: lato della facciata principale situato all’interno dell’edificio

Coro: parte dell'abside destinata ai cantori

Cripta: ambiente ristretto situato al di sotto della navata di una chiesa, solitamente usato come luogo di sepoltura

Croce greca: si dice di piante di chiese in cui la lunghezza del transetto è uguale a quella della navata

Croce latina: si dice di piante di chiese in cui la lunghezza della navata è maggiore rispetto a quella del transetto

Cupola: copertura emisferica data dalla rotazione di una curva lungo un asse verticale

Cuspide: caratteristica di una curva in cui la parte superiore risulta maggiormente acuta

 

Deambulatorio: o ambulacro, passaggio, interno ad una chiesa, che gira attorno all’abside

 

Feritoia: piccola apertura nello spessore murario, alta e stretta

 

Lanterna: parte terminale di una cupola, costituita da una specie di tiburio con finestre o aperture e copertura

Lesena: rilievo decorativo verticale di una parete muraria, a sezione semicircolare o rettangolare, solitamente ripetuto ritmicamente

Liberi comuni: tipo di governo medievale in cui il potere era assunto prima dalle famiglie più importanti poi dalle corporazioni artigiane

Lingue volgari: lingua parlata dal popolo, in contrapposizione alla lingua latina che invece era utilizzata dai ceti colti

Loggia: galleria con arcate o pilastri posto nella parte superiore dell'edificio

 

Mandorla: motivo ornamentale, simile a una mandorla, che circonda la figura di Gesù, di Maria o dei santi

Matroneo: loggiato interno alla chiesa, situato al di sopra delle navate minori e affacciato sulla navata centrale; era riservato alle donne

Monofora: piccola finestra che si chiude, nella parte superiore, in forma semircolare

 

Nartèce: ambiente d’ingresso di una chiesa, in particolare di quelle paleocristiane, addossato all'esterno o immediatamente all'interno della facciata principale; era il luogo dove stavano i non-battezzati ed i penitenti, considerati non ancora degni di entrare nella casa di Dio

Navata: spazio interno di una chiesa delimitato da colonne o pilastri; le chiese possono essere a una o più navate, in cui la maggiore o centrale è quella che termina con l’abside maggiore

Neofita: detto di persona che si è recentemente convertito ad una specifica dottrina religiosa

 

Oculo: apertura a forma circolare

Opus sectile: mosaico composto da tessere di marmo e pietre tagliate in varie forme, disposte in modo da creare disegni geometrici

 

Pala d'altare: dipinto di grandi dimensioni su tavola, tela o bassorilievo, raffigurante soggetti sacri, collocato sopra gli altari delle chiese

Paliotto: parte anteriore dell’altare che può essere costituito da diversi materiali

Paramento: superficie di una struttura muraria

Parasta: pilastro di sostegno, dal profilo piatto, parzialmente sporgente dal filo di una parete

Polittico: pala d'altare divisa in più scomparti variamente decorati che sono dotati di una cerniera in modo da ruotare e potersi chiudere l'uno sugli altri

Presbiterio: ambiente della chiesa in cui è situato l’altare maggiore, a volte sopraelevato dal resto dell’edificio tramite alcuni gradini

Prònao: portico anteriore di un edificio sacro

Pròtiro: avancorpo che ripara l'entrata, solitamente formato da un arco sorretto da due colonne

 

Quadrilobato: detto di chiesa a pianta centrale con quattro semicerchi, rispettivamente uno per lato del quadrato

Quadriportico: portico costruito sui quattro lati di uno spazio quadrato, tipico dell’architettura paleocristiana e romanica

 

Rosone: grande finestra circolare, variamente decorata, presente in facciata

 

Scagliola: composto formato da stucco e pigmenti colorati che, lavorato, crea un materiale simile al marmo, usato come imitazione di quest’ultimo

Semicolonna: elemento decorativo a sezione semicircolare addossato ad una parete

Serizzo: varietà di granito

Strappo: metodologia usata nel restauro degli affreschi, in cui si separa lo strato di colore superficiale dal supporto originale per poi applicarlo su un altro supporto opportunamente preparato

Strombatura: svasatura dei muro fatta in corrispondenza dell'apertura di una porta o di una finestra

Stucco: materiale costituito da un impasto di calce spenta, marmo, sabbia e altre componenti, usato per eseguire decorazioni in rilievo

 

Tiburio: copertura esterna della cupola

Timpano: parete di forma triangolare, liscia o decorata a rilievo, compresa tra la parte orizzontale sottostante ed i due lati obliqui che la concludono

Transetto: navata trasversale che interseca, solitamente all’altezza del presbiterio, la navata centrale; a seconda che sia lungo uguale o di meno rispetto alla navata centrale si parla di pianta a croce greca o latina

Trifora: finestra divisa in tre aperture grazie all’inserimento di una piccola colonna

 

Vestibolo: vano di entrata di un edificio

Volta: copertura curva di un ambiente

 

Zoomorfo: che ha sembianze di animale




la Guida del progetto didattico di RomaniCOMO

     
| crediti | privacy | diritti | contatti |
Realizzato con i contributi di :
Provincia di Como - Assessorato alla Cultura, Regione Lombardia - Culture, Identità e Autonomie della Lombardia