Nella zona di
ALTO LARIO OCCIDENTALE
ALPI LEPONTINE MERIDIONALI
LARIO ITELVESE
TRIANGOLO LARIANO
COMO E DINTORNI
OLGIATESE
BRIANZA COMASCA


OSSUCCIO (Spurano) - Chiesa dei SS. Giacomo e Filippo


OSSUCCIO (Ospedaletto) - Chiesa di S. Maria Maddalena

OSSUCCIO - Chiesa dei SS. Sisinnio e Agata

 

OSSUCCIO (Spurano)- Chiesa dei SS. Giacomo e Filippo

Pianta della chiesa
La chiesa dei SS. Giacomo e Filippo è situata di fronte all'Isola Comacina, alla cui pieve apparteneva. E' un edificio semplice, ad aula absidata, costruita in stile romanico databile tra il X e il XII secolo e che conserva quasi interamente la sua linea originale, fatta eccezione per alcune modifiche.


Chiesa dei SS. Giacomo e Filippo vista dal lago Chiesa dei SS. Giacomo e Filippo










Le sue fondamenta posano in parte sulla roccia ed in parte su due archi sostenuti da pilastri le cui basi affondano nelle acque del lago.
L’esterno è decorato da una fascia d’archetti e la facciata ha due finestre ad oculo sormontate da un'apertura a forma di croce.

Attualmente l'ingresso nella chiesa avviene esclusivamente attraverso il portone che si apre nella facciata, ma esisteva anche un ingresso laterale secondario che era rappresentato dall'attuale finestra posta sulla parete di sinistra.

AbsideL’abside fu modificata durante i secoli, anche per il fatto che venne creata un’apertura per la comunicazione con la sagrestia annessa all’abside stessa e per un crollo che si verificherò probabilmente prima del 1400.
A destra della facciata della Chiesa c’è una scala che scende verso il lago e che porta ad una porta, murata, che dava accesso ad un locale sottostante la chiesa stessa.
Campanile a vela
Al di sopra della linea di gronda si trova il campanile a vela, elemento che caratterizza la chiesa, costruito nel XIV secolo, quindi in un secondo periodo rispetto all’edificazione della chiesa stessa.

L'interno della chiesa inizialmente era totalmente affrescato, mentre ora ci sono solo resti di affreschi di epoche diverse.
La parete sinistra risulta ancora coperta per buona parte dagli affreschi, disposti su due registri sovrapposti e separati da cornici, con scene dalla "Passione di Gesù" e dell'"Antico Testamento", eseguiti probabilmente nei primissimi anni del Mille. Degno di nota l’affresco di "San Cristoforo", restaurato nel 1999.
Affresco della Madonna con Bambino A destra del "San Cristoforo" è presente una "Madonna col Bambino in trono ed angeli" (sec. XV) ed una figura di un "Santo", forse San Bonaventura (anch'esso del XV secolo), dipinti sopra una porzione di muratura già precedentemente affrescata. Sempre sulla parete sinistra, si trovano la scena di "Adamo ed Eva" e la figura di "Sant'Antonio Abate", probabilmente del XVI secolo.
Affresco dell'Annunciazione
Fino al 1593 l'abisde era completamente decorata con un affresco di "Dio Padre, i 4 Evangelisti e i 12 Apostoli", ma di cui ora non si ha più traccia. Di tutta la decorazione rimane solo, sull’arco di ingresso all’abside, l’affresco dell'"Annunciazione dell'Angelo a Maria", con l'Angelo sulla sinistra e la Madonna e la colomba sulla destra, del XV secolo.
Sul lato destro la mancanza di parti di affreschi è dovuta a o più crolli causati dalla posizione della chiesa e dalle sue fondamenta che poggiano dentro le acque del lago.

 

OSSUCCIO(Ospedaletto) - Chiesa di S. Maria Maddalena

Pianta della chiesaLa chiesa di Santa Maria Maddalena era un tempo chiamato “Santa Maria Maddalena et hospitale”, ricordando così la sua originaria funzione di antico ospizio medioevale per pellegrini.
L’edificio romanico è ad un’ unica navata, termina con un’abside semicircolare ed è rischiarata da finestre a doppia strombatura che si aprono lungo le pareti longitudinali.
Chiesa di Santa Maria Maddalena
La copertura è a capanna.
All’esterno, sotto la linea di gronda si ha, lungo tutto il perimetro e la semicirconferenza dell’abside, una fascia d’archetti pensili.
Alla facciata fu addossato un atrio coperto a crociera e un portico dove oggi si vedono i frammenti murati provenienti dalla vicina Isola Comacina.

CampanileIl campanile romanico è molto originale nella forma; anticamente terminava sopra l’attuale bifora mentre fra il XIV e il XV secolo venne sopraelevato con la costruzione di una cella campanaria in terracotta di stile ogivale, che attualmente caratterizza il profilo del campanile.

All’interno della chiesa si trovano porzioni di dipinti, alcuni dei quali molto deteriorati,Interno tra cui l’affresco del catino absidale che raffigura le costellazioni o quello che rappresenta alcuni membri della famiglia Giovio che si offrono alla Vergine circondata da Santi, risalente al XVI secolo.
L’altare raffigurante Santa Maria Maddalena penitente e lo stemma della famiglia Giovio, è in scagliola, una lavorazione tipica dei Mastri Intelvesi.

 

OSSUCCIO - Chiesa dei SS. Sisinnio e Agata

Chiesa dei SS. Sisinnio ed AgataLa chiesa dei SS. Sisinnio e Agata è un edificio che ha subito molti cambiamenti durante i secoli e grazie agli ultimi restauri, compiuti tra il 1993 e il 1995 si poterono ricostruire tutte le diverse fasi della sua storia.

Originariamente l’edificio era un sacello cimiteriale paleocristiano, agli inizi del VI secolo gli venne aggiunto un’abside, divenne una chiesa altomedioevale fra l’VIII e il X secolo e successivamente Campanilevenne trasformato in una costruzione in stile romanico.

Di quest’ultimo periodo si conservano frammenti di affreschi del Tre-Quattrocento, alcuni a vista, altri nascosti nel sottotetto, le finestrelle e l’ altare originale in serizzo del II secolo d.C.

 

Piante delle chiese tratte da: M.. Magni, Architettura romanica comasca, Casa editrice Ceschina, Milano, 1960




la Guida del progetto didattico di RomaniCOMO

     
| crediti | privacy | diritti | contatti |
Realizzato con i contributi di :
Provincia di Como - Assessorato alla Cultura, Regione Lombardia - Culture, Identità e Autonomie della Lombardia